Nel corso di una cerimonia svoltasi al  Senato della Nazione, sono stati resi noti i business plan vincitori del Concorso ECapital 2012, organizzato dalla Associazione Marchigianar unitamente ad oltre  25 università dell’Argentina e dell’Uruguay, al fine di promuovere la creazione di nuove imprese di business ideate e sviluppate da giovani dei due paesi. La gara conta il sostegno della Regione Marche, l’Ambasciata d’Italia, Deloitte, Emprear, Hope Funds, Andreani, Lupa Corp, Ariston, Brandoni, Pieralisi e ArsUltra.

Tra 150 business plan presentati al concorso, la giuria ha premiato in primo luogo il progetto ElectroSmart, creato da María Guillermina Cledou, José Francisco Manera, Pablo Obreque e Jonathan Vainstein, un gruppo di laureandi della Universidad del Sur, di Bahía Blanca, Provincia di Buenos Aires. I vincitori hanno ricevuto un premio monetario di 50 mila pesos per l’avvio dell’impresa.

ECapital2012_Primer_Premio

Pablo Obreque

“Il nostro progetto consiste nello sviluppo di un elettrocardiografo di alta qualità a un prezzo economico, che in più sia portatile e pratico, e che permetta di usare le funzionalità di uno smartphone per gestire l’informazione, scrivere una relazione, inviarla tramite Internet o trasmetterla via bluetooth al cardiologo per avere immediatamente una diagnosi preliminare. E’ ideale da usare nelle scuole, nelle sale mediche, nei club sportivi e per pazienti ambulatori” ha dichiarato Pablo Obreque.

Il secondo premio è andato invece a BioPro, un progetto che rimpiazza l’uso tradizionale di insetticidi chimici con Bioinsetticidi aventi lo stesso effetto di lotta, specialmente per quelli che interessano la produzione vitivinicola. Il progetto è stato ideato e sviluppato da Pabla Torres, Cecilia Gallardo, Matías Burán y Stella Maris Da Silva, compagni di studi alla Universidad de Cuyo, in provincia di Mendoza. BioPro riceverà un premio di 25 mila pesos per l’avviamento dell’impresa.

“Il nostro obiettivo è quello di combattere gli infestanti che colpiscono le coltivazioni e sostituire l’impiego di fosforganici in agricoltura. In particolare abbiamo sviluppato un pesticida a base di funghi per eliminare in modo sostenibile la “Tignoletta della Vite” che infesta la regione di Cuyo dal 2008” ha spiegato Stella Maris Da Silva.

Dott.ssa Veronica Ferrucci, dell’Ambasciata d’Italia in Argentina

Dott.ssa Veronica Ferrucci, dell’Ambasciata d’Italia in Argentina

Dal canto suo, la Dott.ssa Veronica Ferrucci, funzionario dell’ufficio commerciale dell’Ambasciata d’Italia in Argentina ha dichiarato che “ECapital promuove nei giovani lo spirito imprenditoriale e, nonostante il periodo attuale di difficoltà finanziarie del mondo, continua a scommettere sulla capacità di intraprendenza tanto caratteristica sia dell’Italia che dell’Argentina, con il lavoro congiunto di imprenditori, università ed enti”.

Il presidente della Associazione Marchigianar, organizzatrice del concorso, ha asserito: “Ad ogni edizione del concorso vediamo un aumento non solo del numero di idee di impresa presentate, ma anche della qualità e sofisticazione delle proposte e del modo di attuarle. Quando i giovani lavorano con maggiori idee e maggior passione imprenditoriale, crescono le  aspettative sull’economia dell’avvenire”

Infine, la giuria del concorso ha distinto con menzioni speciali i seguenti 10 business plan:

  • Algae Biofactory: Impresa di biotecnologia (CABA – Città Autonoma di Buenos Aires)
  • Bioplastico: Industria plastica di trasformazione (Provincia di Santa Fe)
  • ChitoSafe: Trattamento tessile antimicrobico ( CABA)
  • Viajeros Unidos: Social network di ricerca di compagno di viaggio (CABA)
  • FunnPills: Rimedi per mali quotidiani (Provincia di Cordoba)
  • Insus: Software per pratica di agronomia di precisione (Provincia di Cordoba)
  • MKG Digital Interactivo: Piattaforma di marketing digitale interattiva (Provincia di Santa Fe)
  • Rock N Roll Games: Publisher di videogiochi per cellulari (CABA)
  • Wideoo: Strumento per la creazione di video on line (CABA)
  • Opiner: Via di comunicazione diretta tra negozi e clienti (CABA)